…ariecco Castellino, le nuove avventure del coordinatore romano di Forza Nuova

 

Giuliano Castellino e Roberto Fiore

con proclami bellicosi e altisonanti è tornato sulla scena Giuliano Castellino,dirigente di Forza Nuova, ex Popolo di Roma, ex Destra di Storace e Fiamma Tricolore, finto tassista, finto ambulante, nonché amico   di Roberto Fiore; è tornato dopo aver scontato  negli ultimi mesi le restrizioni a lui imposte a seguito delle ultime bravate compiute assieme ai suoi sodali in giro per Roma, a Montecucco, sulla Tiburtina  e alla Magliana.

 

 

Da quando è riemerso a fine giugno dagli arresti, sono curiosamente ricominciati i caroselli degli sfigati di Forza Nuova, la passeggiata anti-immigrati a Piazza Vittorio, i raid a tarda notte a Cinecittà e a San Lorenzo con scritte e minacce ai militanti di sinistra.

Ma i campi rom restano l’obiettivo principale.                                                                                                                Tuonando contro La Sindaca che non li sgombera e minacciando di intervenire direttamente con i suoi giovani nazionali, il nostro eroe ha pochi giorni fa occupato la stanza del Presidente del Municipio V, spacciando nel video postato su Fb, il manipolo dei suoi pochi disgraziati seguaci in una maschia combinazione di militanza e di popolo ( dov’era il popolo? ) all’attacco per la riconquista delle periferie.

In effetti, al buon Giuliano le periferie stanno veramente a cuore, la presenza degli insediamenti rom turba    la tranquillità, richiamando tanta polizia che gira attorno, con posti di blocco a sorpresa dove incappano scooteroni sui quali si aggirano giovanotti sprovvisti di patente, ma ben provvisti di cocaina, diciamo un etto  ( 100gr.), giusto il necessario per l’uso personale …

Uso Personale???? Il giudice nel 2015 così definì quell’etto di coca, sulla base della bassa purezza della polvere (55%), mandò Castellino assolto, non avvalorando i sospetti degli inquirenti che all’epoca parlarono di potenziali 300 dosi da destinarsi allo spaccio.

Arieccolo dicevamo, ma sembra che la comparsata sia stata questa volta assai breve, infatti da poche ore il coordinatore romano di Forza Nuova pare sia nuovamente ristretto ai “domiciliari” ( dai quali evaderà per portare a spasso il cane, già successo !!! ) in quanto considerato dai Carabinieri dei NAS l’artefice assieme a tale Mosca Giorgio, imprenditore, di una truffa alle Asl riguardante i rimborsi spese per prodotti alimentari destinati a persone affette da celiachia.

Scrive in proposito “La Repubblica” del 23 luglio 2018

… Stando a quanto verificato dai carabinieri, i ‘buoni spesa’ che vengono erogati a chi ha la celiachia, per l’acquisto di prodotti specifici, sono stati ‘taroccati’ con documentazione e dati contraffatti e inviati alla Regione per il rimborso tra il maggio del 2016 e il dicembre del 2017. I falsi buoni accumulati avrebbero portato nelle tasche dell’ex leader di FN e dell’imprenditore Mosca, tra maggio del 2016 e novembre del 2017, la cifra di 1 milione e 300mila euro. I due tra l’altro avevano già presentato richieste per ulteriori rimborsi per un valore di 600 mila euro …

… restiamo in attesa della prossima puntata

Social:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *