“Bastion Social” Il clone francese di CasaPound 2a parte

«Bastion social»: i segreti del nuovo GUD
da Mediapart del 5 giugno 2018                                                                                                                                                      di MARINE TURCHI ET MATTHIEU SUC

«Bastion social»: i segreti del nuovo GUD

Un nuovo movimento – Bastione Sociale – è nato dalle macerie del GUD (Union Defence Group), con l’obiettivo di uscire dalla marginalità politica e superare le divisioni e il dilettantismo dell’estrema destra.Ispirandosi direttamente dai neofascisti Italiani di CasaPound

Vogliono uscire dalla marginalità politica combinando battaglia culturale e azione sociale. Da un anno, inaugurano sedi , città per città: Lione, Chambery, Strasburgo, Aix-en-Provence, Angers, Clermont-Ferrand e, più recentemente, Marsiglia. Con lo stesso motto: “autonomia, identità, giustizia sociale”. Nella loro comunicazione, evidenziano la loro raccolta e distribuzione di cibo, la pulizia dei luoghi pubblici, le occupazioni a sostegno per i senzatetto. Ma questo aiuto è condizionato da un criterio: la nazionalità francese.

Perché dietro a questo “apparenza sociale”, l’etichetta “Bastione sociale” non è altro che un’emanazione di Union Defense Group (GUD), un’organizzazione violenta di estrema destra. Una rete strutturata a livello nazionale, strettamente monitorata dai servizi di intelligence francesi. A maggio, un alto funzionario di questi servizi ha definito il Bastione, l’unica struttura dell’ultra-destra a non essere, “moribonda”
Scontri e violenze nelle università causati da BS hanno fatto nelle ultime settimane molto notizia. A Lione, molti dei suoi membri, tra cui il suo presidente, Steven Bissuel, 24 anni, sono stati incriminati per “violenza aggravata” in seguito ad uno scontro con antifascisti, con il divieto d’accesso a Lione Vecchia in orario notturno, come riporta Rue89 Lyon. Ad Aix-en-Provence, un attivista è stato condannato a quattro mesi di prigione dopo l’aggressione a una coppia di magrebini. A Parigi, il movimento ha marciato il 9 maggio a fianco dei gruppi di destra più radicali e c’è già chi ne ha già chiesto il suo scioglimento. Ma il movimento continua il suo sviluppo: dal 29 giugno al 1 luglio, ha organizzato la sua prima università estiva in Borgogna, per “far emergere i quadri nazionalisti-rivoluzionari di domani”.
Nato a maggio 2017, Bastion Social è un “movimento politico e sociale con una vocazione nazionale”, destinato a “svolgere le sue azioni in modo efficace” e a “sviluppare la sua rete su tutto il territorio”. Il piccolo gruppo critica l’ultraliberalismo, “l’immigrazione di massa” e sostiene la “preferenza nazionale”. Alcuni dei suoi membri non nascondono di essere “orgogliosi di essere fascisti”.

secondo da sinistra Steven Bissuel di Bastion Social con accanto a destra nella foto Gianluca Iannone di CPI

Il modello adottato è l’italiana CasaPound, diventato un riferimento per un’ampia fascia di estrema destra radicale. Fondato nel 2003 dopo l’occupazione di un edificio abbandonato nel cuore di Roma, questo movimento italiano – che si riferisce nel nome al poeta americano Ezra Pound, simpatizzante del regime di Mussolini – ha sviluppato spazi abitativi per presunti senzatetto italiani, bar , ristoranti, sale da concerto.
Ispirato dal neofascista Gabriele Adinolfi, CasaPound è il riferimento dei “fascisti del terzo millennio” – anche se alcuni dei suoi membri si definiscono tout court”fascisti” e si oppone “all’invasione “Straniera e offre circuiti di mutua assistenza riservati esclusivamente agli italiani. CasaPound drena migliaia di seguaci sui social network e ha visto i propri consensi in crescita alle elezioni municipali, senza però riuscire a entrare in Parlamento nelle ultime elezioni legislative.

Steven Bissuel (a sinistra) e Gabriele Adinolfi (a destra) il 17 febbraio, al Bastione Sociale di Lione,

Tra CasaPound e il GUD, le relazioni erano già avviate, in particolare attraverso l’organizzazione di congressi europei neofascisti o conferenze congiunte. Per mesi, Steven Bissuel aveva indirizzato i suoi viaggi sull’altro lato delle Alpi,mentre da parte sua, Gabriele Adinolfi, l’ideologo di CP, aveva moltiplicato da gennaio le conferenze sulle antenne radiofoniche del Bastione Sociale.
Ma i collegamenti vanno oltre alcune visite di cortesia. CasaPound ha un chiaro interesse nello sviluppo del Bastione Sociale: avere un partito fratello in Francia. Secondo le nostre informazioni, nelle negoziazioni che hanno avuto luogo tra le due formazioni.

CasaPound ha inviato un messaggio ai“gudards”riportando la propria esperienza: se volete svilupparvi, dovete aprirvi al “sociale” ,investire nell’apertura di bar e luoghi di svago/aggregazione.
Va ricordato che, negli ultimi anni, il capo del GUD di Parigi aveva fatto spesso parlare di se nelle rubriche giudiziarie dei media; nel 2015, il ventottenne Logan Djian e alcuni dei suoi compagni erano stati incriminati dopo la il violenta aggressione al loro ex leader. Ancora Djian era stato implicato in un altro aspetto dello stesso caso, questa volta finanziario,quando il 23 giugno 2017, la corte di giustizia di Nanterre lo aveva condannato a sei mesi di prigione e a una multa di 10.000 euro per “abuso di beni sociali “,a questo proposito,ancora da chiarire la fonte dei fondi che gli ha permesso di pagare la cauzione per uscire dalla custodia.
Soprannominato il “Duce”,con il tatuaggio dello stemma della divisione SS Charlemagne sul braccio, l’ex capo del GUD che era già stato condannato per violenza contro le Femen nel 2012 e contro un fotografo AFP nel 2013,è in carcere da dicembre.

“A Parigi, il GUD era diviso in diverse correnti, che Logan Djian aveva cercato senza successo di rianimare, e il gruppo,alla fine aveva perso molto terreno sotto la sua guida, dice un veterano dei servizi di intelligence,malgrado i tentativi periodici di riunire i gruppi di estrema destra, senza alcun risultato. Ma con il Bastione sociale il vero pericolo c’è, perché ha una struttura e conta su una rete radicata a livello nazionale. E alla strategia di Steven Bissuel è fintroppo chiara.
Sono proprio le divisioni e il dilettantismo dell’estrema destra radicale, insieme al desiderio di azioni concrete dei suoi membri, che hanno spinto i leader a riorganizzare i loro piccoli gruppi. Steven Bissuel originariamente a capo del GUD di Lione,ha approfittato della disorganizzazione del concorrente fratello maggiore parigino per riprendere la leadership, sviluppando con una comunicazione efficace il suo marchio “Bastione sociale” in diverse città.

A Parigi, il tentativo è però abortito,innanzitutto perché il GUD di Parigi non è riuscito, nel 2015, ad occupare l’ex ospedale Saint-Vincent-de-Paul, nel XIV arrondissement, e successivamente un luogo abbandonato a Boulogne-Billancourt. Ma anche perché, nella capitale, i suoi attivisti sono rimasti comunque attaccati all’etichetta “GUD” e alla sua tumultuosa storia.

È stato quindi a Lione che è stata realizzata la trasformazione di un piccolo gruppo (il GUD) in una vera struttura politica (Bastione sociale). Il movimento è nato il 27 maggio 2017. Quel giorno, una ventina di attivisti guidati da Steven Bissuel hanno occupato un edificio del centro in disuso, con gli slogan “una casa per i francesi” e “i nostri prima degli altri”. L’obiettivo? Creare uno squat sul modello di CasaPound. L’occupazione non ebbe però successo perché ripetutamente sgomberati dalla polizia.E comunque come ricorda LyonCapitale, questa prima occupazione non ha mai ospitato senzatetto

un edificio in disuso occupato a Lione da attivisti del GUD il 27 maggio 2017

Lo stesso giorno, il gruppo crea il suo sito. Il 6 luglio, lo Statuto della “Associazione del Bastione Sociale” è depositato presso la Prefettura di Rhône. Sulla carta, “organizza eventi culturali, sportivi e politici e organizza attività sociali”. Un mese dopo, il movimento pubblica sul suo sito il “Manifesto” di quattro pagine in cui annuncia l’organizzazione di diversi raduni ( vietati successivamente)

Nelle città in cui si è affermato, il nucleo originario del GUD è stato gonfiato dal confluire di formazioni in competizione – gruppi che stanno perdendo terreno o stanno rompendo con la loro casa madre. È il caso di Jérémy Palmieri, l’ex capo dei Royalists of Action française nelle Bouches-du-Rhône, spinto all’uscita perché troppo radicale. O il gruppo Edelweiss Pays de Savoie, con sede a Chambéry, Thinking Heads e “GUD Business”

Come funziona il movimento? La sua organizzazione è ultra-gerarchica e basata sulla disciplina: regole di buona condotta, formazione fornita ai suoi dirigenti. Il suo leader, Steven Bissuel, è diventato un portabandiera dei media dell’estrema destra in Francia.e non solo,moltiplica infatti i viaggi all’estero. Oltre alle sue numerose visite a CasaPound in Italia, ha anche visitato il Quebec e l’Ucraina. Secondo le nostre informazioni, la DGSI ( direction générale de la Sécurité intérieure) è interessata alle “ramificazioni internazionali” del Bastione sociale.

Steven Bissuel (2° da sinistra) Sebastien Magnificat,portavoce francese di CasaPound e Chiara Del Fiacco di CPI

Tra CasaPound e il GUD, i collegamenti sono mantenuti da un piccolo gruppo di francesi stabiliti a Roma sotto pseudonimi, tra questi Sébastien Manificat, portavoce francese di CasaPound, alias Sébastien de Boëldieu,che ha moltiplicato le conferenze sul “fenomeno CasaPound” tenute al GUD. C’è poi Thibaut Baladier, testa pensante più defilata che agisce sotto lo pseudonimo di Xavier Eman; questo quarantenne ha animato la campagna “preferenza nazionale” del Bastione Sociale e frequentato le sue antenne per tenere conferenze. Sul suo blog come Facebook, sostiene le azioni del piccolo gruppo,tanto che Steven Bissuel lo ha presentato come “Bastione del Bastione Sociale”.
Thibaut Baladier lavora dalla fine degli anni ’90 su numerosi siti e pubblicazioni di estrema destra, tra cui Elements, la rivista New Right fondata nel 1973, che è stata rinnovata nel 2015. In Supporto di CasaPound, è apparso come rappresentante di Zentropa, una rete che collega i due lati delle Alpi.

Conferenza di Thibaut Baladier (alias Xavier Eman) alla sede di Bastion social a Chambéry, il 26 maggio 2018.

Uno dei suoi amici – figura di spicco nel movimento “Identitario” – e sostegno incrollabile per CasaPound e il Bastione Sociale è Arnaud Naudin, noto anche come Arnaud Menu. Questo ex redattore di Novopress, il sito di informazione dell’identità del Blocco, fu reclutato dal Fronte Nazionale e apparve defilato nella campagna di Robert Ménard a Beziers durante le ultime elezioni municipali. Da allora è stato responsabile di Radio Libertés, una variante della web tv TV-Libertés di estrema destra.

Social:
error

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *