Pesanti condanne a tre antifascisti romani

Condanne a pesanti pene detentive e pecuniarie comminate a tre compagni per i fatti avvenuti a Roma nel Maggio del 2014.

 

Riprendiamo dall’Osservatorio sulla Repressione la notizia della condanna di tre militanti antifascisti romani per i fatti avvenuti a seguito dell’aggressione di militanti di Militia Christi ai danni dei partecipanti ad un convegno democratico nella sede del VII Municipio,a Roma.

Condannato a 3 anni e 10 mesi Nunzio D’Erme
Il Tribunale di Roma ha condannato, in primo grado, a 3 anni e 10 mesi Nunzio D’Erme,attivista del centro sociale “Corto Circuito” figura tra le più conosciute e stimate della sinistra antagonista del nostro paese, ex consigliere comunale al Campidoglio e protagonista dei movimenti sociali nella capitale. Condannati anche gli attivisti del centro sociale “Spartaco”Marco Bucci a un anno e cinque mesi e Marco Liotino a un anno e quattro mesi.
La condanna nei confronti degli attivisti  riguarda i fatti avvenuti il 21 maggio 2014 nella sede del VII Municipio a Roma dove durante un convegno istituzionale sull’educazione alla diversità alla quale presero parte anche i movimenti sociali del territorio, i partecipanti subirono un’ aggressione da parte dei militanti di Militia Christi,  gruppuscolo fondamentalista cattolico, legato a settori dell’estrema destra. Secondo l’accusa, nel parapiglia Nunzio D’Erme avrebbe preso parte all’“evasione” di un ragazzo fermato dalla polizia e un agente si sarebbe procurato una prognosi di 55 giorni.
Ma l’inchiesta della magistratura, invece di colpire e indagare sugli aggressori portò invece, nel settembre 2014, all’arresto in carcere di Nunzio D’Erme e agli arresti domiciliari Marco Bucci con l’accusa di resistenza e lesioni aggravata nei confronti di agenti di polizia, procurata evasione e lesione ai danni dei militanti di estrema destra Militia Christi.
Durante le indagini preliminari il legale di Nunzio D’Erme, l’avvocato Marco Lucentini, chiese l’incidente probatorio, e la perizia redatta da due professori dell’Università La Sapienza di Roma escluse che le lesioni riportate dagli  agenti di polizia potessero riferirsi ai fatti accaduti e contestati a Nunzio D’Erme. Nonostante tutto ciò il Giudice non ha tenuto alcun conto delle perizie e ha confermato le accuse emettendo la condanna a 3 anni e 10 mesi.                                                                                                                  L’avvocato Lucentini, in attesa della deposizione della sentenza, annuncia il ricorso in appello.                            La condanna a Nunzio è una “sentenza ad orologeria” che arriva in una fase di ulteriore criminalizzazione delle lotte sociali dove a denunce e misure repressive si aggiunge l’approvazione del Decreto Salvini che chiude ulteriori spazi di agibilità politica alle lotte e ai movimenti come tentativo di fermare con ogni mezzo qualsiasi opposizione sociale nel paese, evidenziando il disegno di  relegare le lotte sociali a un mero problema di ordine pubblico e di usare le condanne  in maniera simbolica ed esemplare, per dare il segno di cosa possa capitare a chi voglia seguire quelle tracce.
Occorre cominciare a capire che aria sta tirando. Condanne come questa sono il  sintomo del clima generale che si respira nel paese. Nunzio D’Erme è stato condannato per la sua storia, che è anche la storia di molti di noi, perché ha avuto l’umiltà e l’intelligenza di saper ascoltare la gente e perché, di conseguenza, viene considerato dalla gente, cioè da molte migliaia di persone, un importante e autorevole punto di riferimento per provare a cambiare il mondo.
Chiunque aspiri a trasformare questa società attraversata da razzismi e rigurgiti di fascismo  non può che indignarsi di fronte a questa condanna.

Social:
error

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *