Buon 25 Aprile ai partigiani di ieri,di oggi e di domani

Eravamo giovani antifascisti e il 25 Aprile ci faceva sentire orgogliosamente partecipi della storia del nostro Paese, quella scritta da Dante Di Nanni, Giovanni Pesce e Carla Capponi. Più avanti il 25 Aprile divenne il momento in cui piangevamo i nuovi partigiani uccisi dai fascisti: Claudio Varalli, Mario Lupo, Walter Rossi. In seguito, da donne e uomini maturi, la ricorrenza del 25 aprile divenne per noi tutti la barriera che simbolicamente arginava le derive revisioniste figlie di una politica che non ci piaceva più. Ma in tutti i modi lo si volesse vivere, il 25 Aprile era ed è rimasto per tutti noi antifascisti, di ogni appartenenza politica e credo religioso, la casa comune dove gioire della Libertà e dei Diritti riconquistati dalla Resistenza.

Social:
error

Leave a Reply